06 ottobre 2010

Il coming out di Tiziano Ferro

Su Vanity Fair e nella sua autobiografia "Trent'anni e una chiacchierata con papà", Tiziano Ferro fa diventare le insinuazioni sulla sua omosessualità una certezza.

"Mi voglio innamorare di un uomo"
"Un paio di anni fa ho iniziato un percorso di analisi. Da tempo non stavo bene, avevo capito di dover riprendere in mano una serie di cose: dal forzato esilio lontano da amici e famiglia alla relazione col mio lavoro, al rapporto contrastato con l’omosessualità. Sono arrivato a una conclusione volevo vivere meglio".
"Che cosa succederà dopo? Niente sarà più come prima"
"Il 20 novembre 1995 ho iniziato a scrivere un diario. Ho deciso che lo pubblicherò il 20 ottobre 2010".
"Nessuno lo capirebbe mai, ma credo che se mi svegliassi e non avessi più il successo, la prima cosa che farei sarebbe approfittarne. Andare in centro, fare danni, guardare le persone in faccia nell'ora di punta, non evitare i posti affollati, preoccuparmi sempre e solo di quello che succede dentro, mai di quello che succede fuori".
"Non posso puntare il dito contro nessuno, solo contro me stesso, spiega, Tuttora non so spiegarmi perché considerassi l'omosessualità una specie di 'malattia'... Non ho la presunzione di salvare nessuno, ma se il mio libro potesse aiutare qualcuno a evitare di perdere tutti gli anni che ho buttato via io, sarei felice".
Riguardo alle voci che erano già circolate su di lui: "Mi facevano una tale rabbia. Non perché non volessi passare per gay, ma perché la verità è che un fidanzato avrei voluto avercelo. E, invece, non avevo nessuno. Perché? Perché avrei dovuto vivere una doppia vita e io non ne sono capace. Mi dà fastidio quando si parla di accettazione dell'omosessualità. Io, semmai, sogno la condivisione. Una famiglia che accetti le mie scelte non mi basta, voglio che le viva insieme a me. E lo stesso vale per i miei amici. Ora che quella condivisione è diventata realtà, è pronto a vivere pienamente. Cerco l'amore, la parte della vita che mi è mancata finora... Per il momento sono solo, ma spero presto di non esserlo più".

-
------
Titolo corretto perchè: In Italia, l'espressione coming out, che indica una scelta deliberata, è molto spesso confusa con outing, che indica invece l'esposizione dell'omosessualità di qualcuno da parte di terze persone senza il consenso della persona interessata.

2 COMMENTI:

  1. A me Tiziano piace ed è simpatico. Sono contenta per lui che abbia trovato il coraggio di non nascondersi più...tra l'altro cosa c'è da nascondere???

    RispondiElimina
  2. Anch'io lo trovo simpatico e piacevole come persona e come artista, e questa sua confessione per me non cambia niente.
    Però cavolo, mai che uno brutto, antipatico e odioso dica di essere gay...che peccato!

    RispondiElimina

 
Back to top!