19 ottobre 2015

Woman in Gold

Immaginate di entrare in una mostra, superare alcune opere, girare l'angolo e riconoscere nel ritratto più celebre dell'artista il volto di una persona cara. Una persona che non vedevate da oltre 50 anni.
Questa è la sensazione incredibile che deve aver provato Maria Altmann dinanzi a "Woman in Gold" di Gustav Klimt. La donna ritratta è la sua cara zia Adele.

Gli Altmann erano una ricca famiglia di Vienna. Il ritratto della zia Adele era rimasto appeso nel salotto della loro bella casa per anni. Sono stati i nazisti a portarlo via. Hanno tolto agli Altmann ogni bene e felicità solo perché erano ebrei.

Negli anni '90, tra nuove indagini e processi, si tenta di porre rimedio ai danni del nazismo. Uno di questi "rimedi" è riconsegnare ai legittimi eredi i beni sequestrati dai nazisti. Maria Altmann nel 1998 decide di farsi avanti e chiedere la restituzione del ritratto di sua zia.

Il film "Woman in Gold" racconta questo. Le lotte della signora Altmann e del suo legale per ottenere giustizia.
Maria Altmann è interpretata dalla sempre brava Helen Mirren. L'avvocato Randol Schoenberg dal bel Ryan Reynold. Katie Holmes ha un piccolo ruolo come moglie dell'avvocato. Ritroviamo anche Daniel Brühl (perfetto Niki Lauda in "Rush").
Ottimo cast, eppure la parti che mi sono piaciute di più sono quelle dove loro non ci sono.

Per raccontare la storia della signora Altmann e del dipinto, il regista Simon Curtis fa largo uso di flashback. Quelle scene ambientate negli anni '20 e '30 sono bellissime! Perfetti i costumi, le scenografie, i volti degli attori. Vista la qualità, avrei preferito un intero film storico! Inoltre, raccontare gli eventi in modo lineare, secondo me, avrebbe regalato più emozioni.

In ogni caso, a "Woman in Gold" va il merito di aver riportato a galla parte della nostra storia e di quella di un dipinto che non è più una generica "Woman in gold" ma "Ritratto di Adele Bloch-Bauer".

Maria Altmann (1916-2011)

l'attrice Helen Mirren

Ritratto di Adele Bloch-Bauer

1 COMMENTI:

  1. a me è piaciuto tantissimo
    è un film che fa bene agli occhi, al cuore e anche alla cistifellea

    RispondiElimina

 
Back to top!