11 aprile 2008

Ingannevole è il Cuore, più di ogni altra cosa

Da un titolo così, cosa vi aspettate?
Forse, la storia di una giovane donna che lasciandosi guidare solo dai suoi sentimenti, se pur profondissimi, si ritrova in un mare di guai?

Bhe, qui, più che il cuore ad essere ingannevole, è il cervello che fa acqua da tutte le parti!

Sarah è cresciuta in una severissima e religiosissima famiglia. Quando rimase incinta, suo padre, guidato dai suoi principi, le impedì assolutamente di abortire, ma alla nascita del bambino non fece più nulla per aiutare la figlia, così la giovane ragazza madre finì in strada.

Gli assistenti sociali le tolsero il bambino, ma adesso, e qui inizia la storia, Sarah è riuscita ad ottenere l'affidamento di suo figlio.
Il povero piccolo Jeremiah viene strappato ad una famiglia adottiva che lo amava tantissimo, per finire nelle grinfie di una madre prostituta, drogata, alcolizzata, che lo prende e lo molla come un pupazzo.
Succederanno cose orribile a questo povero bambino.

Spesso quando vedo un film o una fiction con attori bambini, mi chiedo che tipo di influenza può avere un'esperienza del genere nella loro crescita. Un conto è far partecipare dei bambini a produzioni dal tono familiare-giocoso tipo "Un medico in famiglia", "I Cesaroni", dove magari sul set c'è persino un clima migliore di quello di una vita reale, ma in un film come questo...per avere l'espressione giusta, avranno pur dovuto spiegare al piccolo attore la storia, portandolo sicuramente a conoscere cose non adatte alla sua età.
Non avrei MAI fatto girare un film del genere a mio figlio.
Ma le leggi sul lavoro minorile esistono o no? Non bisogna tutelare i bambini solo dai lavori in miniera!

Scusatemi, ma sono disgustata, lo sono ancora di più al pensiero che il mondo è pieno di storie come queste.

Il film è tratto dall'omonimo romanzo di Leroy J.T.
La regia è di Asia Argento, che nel film interpreta Sarah.
Nel cast: Ornella Muti e Peter Fonda nel ruolo della madre e del padre di Sarah, Winona Rider è la odiosa psicologa che tenterà di curare Jeremiah, un irriconoscibile (perchè struccato!!!) Marilyn Manson e Michael Pitt che ricorderete come il biondino di "The Dreamers" (piccolo gossip: ai tempi delle riprese del film aveva una relazione con Asia).

Consigliato? Nonostante tutto sì.

1 COMMENTI:

  1. bunny8:07 PM

    Ho letto un solo libro di JT Leroy e devo dire che non mi è piaciuto per niente! Trasgressivo per forza, ma senza esserlo veramente, e risultando, almeno per me, solo estremamente volgare...e poi non sopporto Asia...

    B.

    RispondiElimina

 
Back to top!