08 dicembre 2007

Luttazzi, ancora una volta via dalla tv

Dopo l'allontanamento dalla Rai, anche La7 sbatte fuori dal palinsesto Daniele Luttazzi.
Il motivo?
Ha offeso Giuliano Ferrara.
Ma se quello si offende da solo guardandosi allo specchio?!!

Va detto che altri suppongono che le offese a Ferrara siano solo una scusa per bloccare la puntata di sabato dove è prevista satira sull'enciclica del Papa.

Ma se diamo per buona la prima motivazione, "Decameron" è stato sospeso a causa della puntata speciale di sabato scorso, replicata anche di giovedì, dove Luttazzi descriveva il suo viaggio in Iraq.
Quella replica che doveva essere un onore, una prova del gradimento del pubblico e dell'emittente, ha finito per segnare la fine di Luttazzi.
Ferrara evidentemente, si era perso la prima messa in onda di sabato, forse Giuliano era in discoteca a quell'ora (scherzo!), ma giovedì ha visto tutto e si è incazzato per questa frase:

"...Pensa a Giuliano Ferrara dentro una vasca da bagno con Berlusconi e
Dell'Utri che gli pisciano addosso, Previti che gli caga in bocca e la Santanchè
in completo sadomaso che li frusta..."


Il video incriminato:



La nota della direzione di La7:
«La direzione de La7 ha deciso di sospendere la messa in onda dello spettacolo di satira Decameron di cui è protagonista Daniele Luttazzi. Con Daniele Luttazzi è stato stipulato un contratto che garantiva la sua più totale libertà creativa, come dimostrato dalle puntate fin qui andate in onda. Di questa libertà era necessario fare un uso responsabile, cosa che non è avvenuta. Infatti nella puntata di sabato scorso, replicata giovedì, Daniele Luttazzi ha gravemente insultato e offeso Giuliano Ferrara, che con la stessa La7 collabora da anni come co-conduttore di Otto e mezzo Le espressioni usate sono palesemente in contrasto con la satira e si configurano come una provocazione alla dignità e all’onore personale di un nostro collaboratore. La7 si riserva anche di considerare la questione sotto il profilo legale per i possibili danni di immagine, trattandosi di una emittente fondata sul binomio inscindibile di libertà e responsabilità verso le persone così come verso il pubblico».

Luttazzi: "Sono sbalordito. In Italia non è possibile fare satira libera".


In Italia non è possibile fare satira o Luttazzi è davvero eccessivo?

Nel video l'opinione di Luttazzi sulla satira:

5 COMMENTI:

  1. Giulio6:05 PM

    La satira, come ogni altra forma di linguaggio, ha lo scopo di comunicare in modo convincente con l’ascoltatore, tuttavia i mezzi linguistici e le metafore possono essere i più vari, ognuno usa quelli che ritiene più opportuni, secondo il suo gusto e secondo il pubblico a cui si riferisce, se Luttazzi ha questi gusti o ritiene il pubblico italiano di tali gusti, continui pure a usare tale turpiloquio, io non seguo, né ascolto tali deliri. Molti satiri, che non sono rimasti nel buon gusto e nel rispetto degli altri, sono stati spesso puniti e condannati, ognuno deve assumere le proprie responsabilità di quel che dice, soprattutto se mette alla gogna persone, che svolgono funzioni pubbliche. È troppo facile demolire quanto con grande fatica si costruisce!!!!!

    RispondiElimina
  2. Io invece penso che quanto dici sia censura, termine di cui si sta perdendo il significato ultimamente...non ti piace, non lo ascoltare, nessuno ti obbliga! Ma nel momento in cui gli proibiscono di parlare, proibiscono alle persone cui piace di ascoltarlo, e ciò non è assolutamente "democratico".

    Personalmente neanche io amo Luttazzi, ma lo stimo molto, e penso che questo trattamento non lo merita!!

    Un bacio,
    B.

    RispondiElimina
  3. giulio7:39 PM

    Cara Bunny
    Non voglio aprire una discussione sulla censura, perché mi sembra che questa esisterà sempre sotto varie forme; noi stessi spesso ci permettiamo di censurare questo o quello …

    Anche la democrazia ha le sue rigide regole, una di queste è il rispetto dell’altro, in sua mancanza si cadrebbe nella barbarie. Dalla nota della direzione de La7 appare che sia accaduto proprio questo: Il Ferrara si è sentito offeso da quanto detto dal Luttazzi, anch’io mi sarei offeso per quelle parole e Tu?
    Salve

    RispondiElimina
  4. bunny1:46 PM

    Credo che, conoscendo Luttazzi, l'avrei presa a ridere...non mi sembra ci fosse nulla di offensivo, in fondo non ha detto quelle parole descrivendo una "realtà dei fatti", ma ha detto...io immagino che...e credo che l'immaginazione di un uomo non si possa imbrigliare!

    Ciao,
    B.

    RispondiElimina
  5. Anna Nihil12:22 PM

    Mi fa piacere che si sia accesa una discussione intelligente e con valide argomentazioni da entrambe le parti! :)

    La libertà è un idea infinita, è qualcosa di troppo grande per noi, a tal punto che credo non riuscirà mai a trovare la sua concreta e giusta applicazione in questo nostro piccolo mondo finito, dove tutto ha un limite, dove tutto quello che c’è nasce e muore.

    Nel caso specifico, credo che con Luttazzi la7 poteva, anzi, doveva sistemare le cose in altro modo.
    Come hanno voluto tutelare Ferrara perché è un collaboratore dell’emittente, dovevano dialogare con Luttazzi per capire le sue ragioni e trovare un accordo, insomma lavorava anche lui per loro!! Cosa facciamo? Lavoratori di serie A e serie B? La spunta sempre e solo chi ha il maggior numero di conoscenze influenti?

    La battuta in sé non è poi così offensiva.
    Se tale l’aveva trovata il caro Ferrara poteva querelare Luttazzi, ne aveva diritto ma da qui a chiudere un programma mi sembra una esagerazione!

    Se per di più il modo in cui hanno messo a tacere Luttazzi è stato davvero violento ed offensivo come ha descritto sul suo blog…questa è senza dubbio censura.

    RispondiElimina

 
Back to top!