25 febbraio 2013

Bianco, rosso e Verdone

Siete andati a votare?
Stasera sapremo chi guiderà il nostro disperato Paese, nell'attesa, se devo pensare a un film, be', "Bianco, rosso e Verdone"! Più in tema di così non si può!


Secondo film di Carlo Verdone, dopo "Un sacco bello", ancora una volta porta in scena i cari personaggi del suo repertorio cabarettistico e televisivo per tracciare un quadro ironico e amaro dell'Italia al voto. Correva l'anno 1981.

Furio, Mimmo e Pasquale si mettono in viaggio per raggiungere il seggio e votare.

Furio, il precisino, parte con la moglie Magda e figli Anton Giulio e Anton Luca. Un viaggio che crea ansia e disperazione nella povera Magda, alla fine sarà l'occasione buona per fuggire con l'aitante Raoul e lasciare il pedante marito.
Lo so, non è carino abbandonare il coniuge, però, dopo aver conosciuto Furio, credo che tutta Italia sia solidale con Magda.
Furio: Magda, tu mi adori?
Magda: Sì...
Furio: E allora lo vedi che la cosa è reciproca?

Mimmo, un bambinone. Viaggia con la nonna Teresa, interpretata dall'indimenticabile Elena Fabrizi.
Mimmo: E allungaje 'e gambe, aristendije 'e gambe, aritiraje 'e gambe, aricoprije 'e gambe... io jee tajerei quee gambe!
Purtroppo la nonna muore dentro la cabina elettorale... che cosa triste e terribile! Gli scrutatori non mostrano un minimo di pietà, il loro unico cruccio è se ritenere il voto valido o no.

Non se la passa bene nemmeno Pasquale, che lascia Monaco di Baviera per rientrare in Patria e votare. Si scoprirà straniero in Italia più di quanto lo è a Monaco. Ma dopo una lunga serie di furti e cattiverie esploderà in un memorabile sfogo.

6 COMMENTI:

  1. adesso abbiamo il Bianco (Berlusmonti) il Rosso (Bersanvendola) e il Grillone
    una cosa tutta da ridere!!!
    in autunno il sequel?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che periodo, eh? In piena crisi, siamo senza Papa (perché si è dimesso?! Misteri verranno alla luce del sole?), senza Governo (i grillini??)... sono preoccupata e incuriosita da questi drastici e inattesi cambiamenti.

      Elimina
  2. E' una nuovissima pagina della Storia, ma Grillo ce la mette tutta per peggiorare le cose. Ora c'ho in testa una cosa: ma chi avrebbero votato i protagonisti del film? Uno è facilissimo, ma gli altri?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci provo, ma poi voglio sapere come li avresti fatti votare tu.

      Furio il precisino, lo vedo a favore del rigore di Monti.
      Pasquale si unisce volentieri ai vaffa di Grillo.
      Mimmo è buono, ingenuo e idealista, PD. Però, forse poteva farsi tentare dalla promessa dell'IMU...

      Solo adesso ho notato un errore nella locandina, Pasquale indossa una maglietta con scritto Mimmo!

      Elimina
    2. Siamo sulla stessa lunghezza d'onda, ma non avevo pensato all'IMU per Mimmo.

      Elimina
  3. Un film amarissimo, per quanto divertente.
    Sul finale mi sono anche commossa!

    RispondiElimina

 
Back to top!